ET COMPLEXU NATURA

Impressioni Fotografiche di ALBA RIGO.
Inaugurazione Venerdì 14 Febbraio 2020 dalle ore 17 alle ore 20.
ROBYZ BAR – Via san Vitale, 16/A – Verona (Quartiere Veronetta)
La mostra sarà visibile fino al 14 marzo 2020

Et Complexu Natura

Il processo creativo di Alba Rigo muove da una specifica ispirazione, un lampo generativo che emerge in maniera imprevedibile dal contatto del suo sguardo con alcuni ambienti naturali.

Attraverso la sua macchina fotografica analogica – che non usa come mero strumento di ripresa del reale, ma piuttosto come mezzo per realizzare immagini che scaturiscono dall’inconscio – Alba Rigo attua una sistematica ri-composizione di elementi di senso fino a creare visioni inedite e fantastiche, a partire da ciò che il paesaggio stagionalmente offre.

Il suo pensiero si fonda sul concetto di “fusione” tra soggetto e sfondo, sciolti uno all’interno dell’altro fino a creare un nuovo evento spettacolare.

Per dirla con Merleau Ponty, è come se il testo del mondo non rappresentasse per lei qualcosa da riprodurre in copia, ma comprendesse un vocabolario da ricostituire, in un solo atto, per divenire una nuova “lingua da parlare”.

Così, come parole sparse che provengono da un tempo e uno spazio diversi, le foglie secche e i manufatti architettonici, le fronde, i prati, i fiori appena sbocciati e gli specchi d’acqua si abbracciano in una comunione universale, affidandosi ad un sentire che non conosce il dominio di un soggetto sull’altro, ma anzi consacra la complessità della natura.

Le trame visive di Alba Rigo sono vere linee di forza che, con una sensibilità tutta femminile, inventano nuove traiettorie e ci mettono in diretta comunicazione con il mistero e la bellezza del creato, proiettandoci nella poesia delle cose.

Scattate quasi sempre durante le ore in cui sorge il sole, quando la potenza della vita risveglia il paesaggio e la luce del mattino investe le forme, le sue fotografie sembrano evocare i quadri impressionisti, con tutto il bagaglio di sensazioni ad essi connesse: la percezione di annusare un profumo, di bagnarsi le dita di rugiada, di toccare il colore e il corpo della materia, insomma, interiorizzare le emozioni della natura e sorprendersi per la sua energia creatrice.

Arianna Novaga

https://www.filoverona.it/eventi/eventi.html


Lascia un commento